Il programma di chitarra è orientato verso la musica moderna, senza tralasciare importanti tecniche di base di chitarra classica (fingerpicking, impostazione delle mani ecc.).
Un percorso che dalle basi dello strumento arriva fino alla specificazione per generi musicali (blues, folk, jazz, rock, pop, metal, ecc.).

All’interno del corso le lezioni vengono costruite in base alle esigenze e ai gusti musicali di ogni singolo allievo, utilizzando dei brani come strumento per acquisire repertorio, tecnica, nozioni di armonia, lettura e cultura musicale e lasciando un considerevole spazio per la propria espressione personale; in questo modo si impara divertendosi e venendo continuamente stimolati e interessati.

Non viene in ogni caso tralasciato alcun aspetto tecnico/teorico: la parte pratica è sempre accompagnata da spiegazioni e da esercizi su particolari tecniche seguendo un programma predefinito.

Nozioni di base: postura, accordi semplici, lettura, plettrata alternata, funzionamento dello strumento.
Scale, improvvisazione.
Consolidamento e ampliamento delle capacità ritmiche.
Armonia e costruzione degli accordi, rivolti e improvvisazione ad arpeggi.
Improvvisazione modale, modi maggiori e minori.
Generi e stili, consolidamento delle capacità.

Il percorso prevede anche alcune lezioni d’ensamble per dare la possibilità di suonare e confrontarsi con altri allievi e imparare a suonare insieme.
Oltre che fornire un momento di scambio e di divertimento, le lezioni d’ensamble sono un modo per sviluppare pratiche e tecniche che il musicista mette in atto e sperimenta solo suonando con gli altri (l’ascolto dell’altro, le dinamiche, l’interplaying).

TESTI
Vito Nicola Paradiso, La chitarra volante vol.1 edizioni Curci (obbligatorio dai 6 ai 10 anni).
William G. Leavitt, A Modern Method For Guitar vol.1, Carish editore (solo su richiesta dell’insegnante).
Philip Toshio Sudo, Chitarra Zen, XENIA edizioni (consigliato per tutti gli allievi sopra i 12 anni e per tutti i genitori degli allievi minori di 12 anni).

NOTE

Per gli allievi che si approcciano per la prima volta allo strumento è consigliabile utilizzare una chitarra classica, più adatta a imparare le impostazioni iniziali.